Il Ministro Di Maio incontra Confartigianato: riduzione delle tariffe INAIL e prossime iniziative del Governo al centro del confronto

0

Il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ha incontrato oggi i vertici nazionali e la Giunta esecutiva di Confartigianato per un confronto sulla riduzione della tariffe INAIL e sulle prossime iniziative del Governo perartigiani e piccoli imprenditori.

Il 27 febbraio, appena incassato il voto al Senato sul reddito di cittadinanza, il Ministro Di Maio ha raggiunto il quartier generale di Confartigianato, a pochi passi dal Colosseo, per incontrare il Presidente Giorgio Merletti e il Segretario generale Cesare Fumagalli. Un incontro a porte chiuse per commentare le recenti novità contenute nella Legge di Bilancio 2019, a cominciare proprio dalla riduzione delle tariffe INAIL applicate ad artigiani e piccoli imprenditori, che per anni hanno pagato tariffe più alte del dovuto. Un successo storico di Confartigianato, che aveva incassato l’annuncio del Ministro all’Assemblea del 26 giugno scorso e che oggi porta a casa una vittoria che ha un doppio valore: da una parte economico, con la riduzione delle tariffe in media del 30%, e morale dall’altro, perché la riduzione delle tariffe INAIL premia gli sforzi fatti dagli imprenditori artigiani sul fronte della sicurezza sul lavoro e della riduzione del numero degli infortuni di operai, collaboratori e dipendenti.

“Credo che la battaglia che Confartigianato ha portato avanti in tutti questi anni per abbassare il costo del lavoro, utilizzando proprio la riduzione dei premi assicurativi INAIL, sia una battaglia di giustizia sociale – ha detto senza mezzi termini il Ministro Di Maio, accompagnato dal Senatore del Movimento 5 Stelle, Gianluigi Paragone – Oggi ci sono migliaia di imprese in Italia che hanno investito sulla sicurezza sul lavoro, hanno abbassato il numero degli incidenti e per questo hanno il sacrosanto diritto di pagare meno i premi assicurativi. Oggi, noi andiamo ad abbassare il costo del lavoro per un miliardo e ottocento milioni di euro. Per fare un esempio, una falegnameria con un retributivo annuo di 200mila euro, invece di pagare 22mila euro all’anno di premio INAIL dovrà versare quasi 12mila euro. Questo è solo un esempio delle considerevoli riduzioni introdotte con la Legge di Bilancio. Iniziamo ad abbassare il costo del lavoro dando agli imprenditori ciò che è giusto. Quello che non dovevano pagare non lo pagheranno più”.

La Legge di Bilancio contiene tante altre novità importanti per le imprese italiane, come la conferma dei fondi per la Nuova Sabatini e la promozione del made in Italy nel mondo, l’estensione del regime forfettario e il raddoppio della deducibilità dell’IMU sugli immobili produttivi.

Il Governo, ha assicurato il Ministro Di Maio a Confartigianato, è soltanto all’inizio del proprio lavoro per rilanciare artigiani e pmi. “Tutto quello che taglieremo dagli sprechi dello Stato verrà investito nella riduzione delle tasse per le imprese. In più, ad aprile presenteremo importanti accordi per le esportazioni del made in Italy nel mondo e daremo vita a nuove iniziative per tutelare il vero made in Italy di qualità. Su questo campo – ha aggiunto Di Maio – le nuove tecnologie come la blockchain e le intelligenze artificiali potranno aiutarci a sostenere e tutelare la migliore produzione italiana. Infine, come ci ricorda sempre il Presidente Merletti, le imprese italiane hanno bisogno di una riforma del Codice Appalti, che sia una riforma per eliminare cose inutili e non per aggiungere altri oneri per le imprese. Vogliamo dare la possibilità alle aziende private di gareggiare nel pubblico senza lacci e lacciuoli”.

Share.

Comments are closed.