L’ATTIVITA’ DI RAPPRESENTANZA

Aggregare la forza negoziale di un numero enorme di soggetti che altrimenti non avrebbero voce: è questo il tratto costitutivo di Confartigianato. È in questo modo che la Confederazione ha saputo dare fin dall’inizio sostanza alla tutela costituzionale dell’Artigianato. Raccogliendo in una casa comune esperienze territoriali ricche di tradizione e di conoscenze, ha fatto di esse un interlocutore univoco e credibile per tutte le relazioni essenziali alla vita delle imprese: con i vari livelli dell’amministrazione e del governo del territorio, con le controparti sindacali, con i corpi legislativi, con le numerose Istituzioni e agenzie che operano nel tessuto di una società moderna.  Grazie a questo impegno sul fronte della rappresentanza, Confartigianato dialoga oggi con i Comuni, le Province, le Regioni, il Governo nazionale.

Grazie alla fermezza e alla convinta azione sindacale, Confartigianato è parte firmataria di accordi interconfederali nazionali e regionali su materie trasversali all’intero sistema produttivo, di 17 Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro specifici dei settori produttivi e merceologici delle attività artigiane, nonché di numerosi contratti collettivi regionali di lavoro. Confartigianato è inoltre in rapporto costante con il Parlamento, prende parte alle audizioni delle Commissioni parlamentari su materie rilevanti per il comparto, offre supporto conoscitivo a numerosi parlamentari attenti ai temi della vita economica e dell’artigianato in particolare. Sono numerose le istituzioni pubbliche e private verso le quali la Confederazione esprime un ruolo attivo: si tratta di un panorama reso particolarmente dinamico dalle più recenti politiche nazionali e comunitarie dettate dall’evoluzione dei mercati, delle tecnologie, dei paradigmi organizzativi e produttivi che caratterizzano l’attuale scenario operativo e di sviluppo.

Confartigianato, oltre ai diversi momenti del negoziato sindacale, esprime proprie rappresentanze stabili anche presso i seguenti ambiti e istituzioni:

NELLE ISTITUZIONI CENTRALI DELLO STATO
- CNEL, Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro
- Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
- Ministero delle Attività Produttive
- Ministero dell’Economia e delle Finanze
- Ministero degli Affari Esteri
- Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
- Ministero della Salute
- Ministero dell’Interno
- Ministero dell’Ambiente
- Ministero dell’Istruzione, Ricerca e Universit
- Ministero per gli Italiani nel mondo
- Dipartimento per le Pari Opportunità

A LIVELLO COMUNITARIO
- UEAPME, Unione Europea dell’Artigianato e delle Piccole e Medie Imprese
- CES, Comitato Economico e Sociale Europeo

NEGLI ENTI NAZIONALI PUBBLICI E PRIVATI
- IPI, Istituto per la Promozione
- MEFOP, Società per lo Sviluppo del Mercato dei Fondi Pensione
- COBAT, Consorzio Obbligatorio Batterie Esauste
- CONOE, Consorzio Obbligatorio per gli Oli e i Grassi
- INPS, Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale
- INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro
- ICE, Istituto Nazionale per il Commercio con l’estero
- CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi
- CESPA, Consiglio Economico e Sociale per le Politiche Ambientali
- ISTAT, Istituto Nazionale di Statistica
- ISFOL, Istituto per la Formazione dei Lavoratori
- ISPESL, Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro
- ARTIFOND, Fondo Pensione Intercategoriale Nazionale per i Lavoratori Dipendenti del Settore Artigiano
- Fondo Artigianato Formazione
- Fondo Nazionale Sostegno al Reddito
- Artigiancassa, Cassa di Credito per le Imprese Artigiane
- Istituto Guglielmo Tagliacarne
- Camere di Commercio
- Fiere
- Universit