Dal 6 giugno scorso è scattato per Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e assistenza sociale, l’obbligo di ricevere le fatture dei propri fornitori esclusivamente nel formato elettronico della FatturaPA. La stessa disposizione si applicherà poi, dal 31 marzo 2015, agli altri enti nazionali e alle amministrazioni locali. Le modalità attuative di tale operazione sono state definite dal decreto 3 aprile 2013, n. 55, del Ministro dell’Economia e delle finanze, di concerto con il ministro per la Pubblica amministrazione e la semplificazione, emanato in attuazione della legge 244/2007 (Finanziaria per il 2008), e chiarite nella Circolare esplicativa emanata dal Ministero dell’economia e delle Finanze. Le Amministrazioni hanno l’obbligo di inserire la propria anagrafica nell’Indice della Pubblica Amministrazione (IPA) che assegna un codice univoco che sarà pubblicato sul sito www.indicepa.gov.it. L’operazione deve essere ultimata dalle Amministrazioni interessate tre mesi prima della decorrenza prevista dal decreto per l’avvio della fatturazione elettronica e, quindi, a titolo di esempio, per quanto riguarda le amministrazioni con decorrenza 6 giugno, tale scadenza era collocata al 6 marzo scorso. Per tutti i contratti in essere le Amministrazioni sono, inoltre, tenute a comunicare ai propri fornitori i codici ufficio utili ai fini della fatturazione elettronica, anche utilizzando il formato di lettera standard allegato nella Circolare esplicativa. Le fatture cartacee emesse prima delle date di decorrenza dell’obbligo potranno comunque essere ancora accettate e pagate nei tre mesi successivi alla data di decorrenza fissata dalla norma. Le fatture emesse successivamente a tale data non potranno essere pagate se non sono state ricevute in formato elettronico. Confartigianato imprese di Viterbo, nell’ottica di un servizio rivolto a semplificare gli adempimenti previsti, ha implementato un sistema ad hoc per le piccole e medie imprese che hanno rapporti lavorativi con la pubblica amministrazione. Tutti gli interessati al servizio possono chiamare gli uffici di Confartigianato imprese di Vitebo al nr. 0761.33791.